www.aspecsalerno.it Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più clicca su

  
Aggiungimi ai tuoi Preferiti Clicca qui come pagina iniziale
    


Clicca quì per vedere altre foto
AFFARI E PROBLEMI DI CUORE TARGATI ASPEC A CONVEGNO A SALERNO




Il 26 novembre 2016, si è tenuto al Grand hotel di Salerno il sesto convegno medico-scientifico (anzi: socio-scientifico) da parte dell’associazione “Aspec” – acronimo per Associazione salernitana portatori di elettrostimolatori cardiaci, una realtà importantissima per la salute di chi è costretto – purtroppo – a utilizzare by pass, pacemaker e altri ritrovati tecnologici per garantire la salute del cuore. Un organo spesso affaticato e che risente dello stress delle nostre vite ed attività frenetiche. Vi hanno partecipato numerosi cardiologi, medici, anestesisti, il fior fiore dei (nuovi e preparati) medici del cuore – appunto – assieme, ovviamente, ai pazienti che usano questi dispositivi salvavita. Il convegno, ribadiamo, socio-scientifico ha goduto di una massiccia presenza di comuni cittadini e/o malati di cuore e/o esponenti della heart-disease (malattie cardiache). Ma perché una convention “socio-scientifica”? Perché – hanno dichiarato in molti, tra gli specialisti in sala – questo e altri incontri (è stata la sesta edizione di meeting simili, da parte sempre del sodalizio Aspec) sono rivolti ai cittadini e agli ammalati o proprie famiglie in maniera semplice, coinvolgente, diretta: perché i responsabili intendono (hanno inteso) parlare dritto al cuore (è il caso di dirlo) delle persone… “comuni”, non con nozioni più o meno profonde dell’argomento – comunque
interessantissimo. Società e medicina, dunque: un connubio non solo plausibile e/o possibile ma reale ed importante, per dare maggiori speranze ai portatori di stimolatori. Infarti, aritmie ed extrasistole (pressione alta) oppure anche diabete e colesterolo… “cattivo” sono le patologie – a volte mortali, ai nostri tempi molto più curabili che in precedenza – con cui dobbiamo convivere ma non in maniera e modalità… “drastiche”. Come si vede dalle interviste, realizzate dal nostro cameraman Raffaele De Chiara e da altri cronisti e giornalisti dell’hinterland salernitano, il tema è stato affrontato in modo essenziale e senza paroloni di sorta. Temi scientifici, dunque, ma vicini ai cittadini di Salerno e provincia – e non solo; argomenti di scottante e cogente attualità che hanno verso soprattutto sulla cosiddetta telemedicina e sulle cure (o monitoraggio) a distanza. È il bello, e l’utile, delle nuove tecnologie impiegate dalla ricerca e da alcuni professionisti più aggiornati e che sfidano il mal di cuore. Il problema, la questione è l’affrontare quelle concause che determinano emergenze quali le morti improvvise (provocate da aritmie incostanti, eccetera). Le nuove frontiere della scienza puntano a eliminare queste criticità ponendosi in maniera aperta alle richieste dei cardiopatici. L’Aspec batte da sempre su questo tasto, aggiornandosi di continuo e organizzando appunto tavole rotonde come questa del 26 novembre. Si batte il sentiero della medicina, del controllo remoto – a distanza – per un sofferente di cuore che si rechi all’ estero o solamente un po’ più lontano dalla zona in cui risiede e dove, presumibilmente, è seguito dal suo bravo medico di famiglia (o di medicina generale) o da uno specialista cardiologo. Ai primi sintomi, la telemedicina può efficacemente intervenire a ripristinare i valori giusti, curando – anche se da lontano, remotamente – il paziente. Alcuni pazienti assumono anticoagulanti e altri farmaci, ma ben presto tutti questi “fastidi”, tutte le cure possibili avverranno grazie alle nuovissime scoperte. Su cui i membri Aspec puntano molto. Tengono “a cuore” il “cuore” della problematica e della casistica dei portatori di elettrostimolatori. Da tenere a mente la differenza tra controllo remoto e interrogazione remota; su questi due concetti ci sono stati – nelle interviste e nelle riprese – dei distinguo, delle peculiari differenze. Esplicazioni tecniche ma anche affascinantemente semplici. Protagonisti i server dei computer, ad inglobare i dati di ciascun cardiopatico. Il cuore è un organo delicato; è formato da due atri e due ventricoli, dalla arteria aorta e dalle innervazioni dei nervi vago e simpatico. Vi è la valvola mitralica (detta anche bicuspide) e quella tricuspide. Pompa il sangue per farlo arrivare alle zone periferiche del corpo, dell’organismo umano ed animale. È altresì formato da pericardio, endocardio e mesocardio. È l’unico muscolo striato ad essere involontario, cioè non dipende – come invece altri organi – dai comandi (feedback) del cervello. In genere è la muscolatura liscia (diaframma, vene, arterie) ad essere involontaria. Il cuore è percorso dal fascio di Hiss, ha le fibre (donde fibrillazione e defibrillatore) del Purkjnie e nell’infanzia vede mescolarsi il sangue venoso da quello arterioso per mezzo del foro di Botallo – che si atrofizza crescendo. Dunque uno scrigno di sentimenti (e di paure, e di emozioni) da ben custodire. Soprattutto a una certa età e con una alimentazione appropriata… Grazie anche all’Aspec e ai medici…

di: ANNA MARIA NOIA




Video prelevato da pubblico dominio da
YouTube - "Convegni Campania"
ringrazio le due piattaforme di pubblicare il video.




Il sito e ottimizzato 1024x1300. con Explorer Risorse.
Tutti i diritti sono riservati. Vietato la riproduzione anche parziale.