Aggiungimi ai tuoi Preferiti Clicca qui come pagina iniziale
    

Associazione Salernitana

Portatori di

Elettrostimolatori Cardiaci

 

 

 

Statuto Associazione Salernitana Portatori di Ellettrostimolatori Cardiaci

(A.S.P.E.C.)

 

 

 

Art 1: Denominazione e Sede.

E’ costituita una associazione non lucrativa denominata Associazione Salernitana Portatori di  Elettrostimolatori Cardiaci, avente sede legale in Salerno, via L. Cacciatore N° 55. La sede legale può essere modificata con delibera del Consiglio Direttivo.

La durata dell’Associazione è indeterminata.

L’Associazione è apolitica, apartitica, non persegue scopi di lucro ed è finalizzata esclusivamente alla solidarietà tra i pazienti portatori di pace-maker e defibrillatori cardiaci.

 

Art 2:  Scopi dell’Associazione.

L’Associazione ha i seguenti scopi:

1)      Riunire i portatori di pace-maker e defibrillatori della nostra Città ed eventualmente della nostra Provincia.

2)      Favorire lo scambio di informazioni tra i Soci.

3)      Salvaguardare i diritti dei Soci.

4)      Promuovere iniziative culturali che migliorino la conoscenza delle problematiche dei portatori di pace-maker e defibrillatori tra i Soci ed i loro familiari.

5)      Collaborare con  altre Associazioni di pazienti.

 

 

Art 3: Categorie di Soci.

I Soci sono distinti nelle seguenti categorie: Soci Fondatori, Soci Ordinari, Soci Aggregati, Soci Onorari.

I Soci Fondatori sono coloro che danno vita all’Associazione e i cui nominativi compaiono nell’atto costitutivo dell’Associazione stessa. Essi costituiscono il primo Consiglio Direttivo dell’Associazione. Successivamente, ai fini delle integrazioni dei componenti del CD,  vale quanto stabilito dall’art. 7 del presente Statuto.

Sono ammessi come Soci ordinari tutti i portatori di pace-maker e defibrillatori che ne facciano richiesta nelle modalità dovute; i Soci Fondatori sono equiparati ai Soci ordinari, anche se non sono portatori di pace-maker o defibrillatore.

Sono ammessi come Soci Aggregati i I familiari ed i coniugi dei Soci ordinari, nonché i simpatizzanti dell’Associazione che desiderino avere un ruolo attivo nella stessa.

 

Sono Soci Onorari coloro che sono nominati tali dal Consiglio Direttivo dell’Associazione per motivazioni particolari; essi non possono ricoprire cariche elettive nell’Associazione. Sono Soci Onorari di diritto il Direttore Generale dell’A.O.U. OO.RR. San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, il Direttore Sanitario Aziendale, il Direttore del Dipartimento“Cuore”, il Direttore della Struttura Complessa di Cardiologia.

Vi è la possibilità che l’Associazione abbia dei simpatizzanti, che possono collaborare nella realizzazione di eventi scientifico-culturali.

 

Art 4: Diritto di voto.

I Soci Ordinari in regola con l’eventuale quota associativa hanno diritto di voto in Assemblea. A tale scopo  è consentito l’uso delle deleghe: ogni Socio può ricevere due deleghe da Soci Ordinari in regola.  Non hanno diritto di voto i Soci aggregati ed i Soci onorari.

 

Art 5: Organi dell’Associazione.

Sono organi dell’Associazione:

  • L’assemblea dei Soci
  • Il Consiglio Direttivo (d’ora innanzi menzionato anche come CD)

 

Art 6: Assemblea dei Soci

L’Assemblea dei Soci è l’organo sovrano dell’Associazione. Essa può essere Ordinaria o Straordinaria.

L’Assemblea Ordinaria  approva   le proposte elaborate dal Consiglio Direttivo, inerenti l’attività dell’Associazione.

L’Assemblea Ordinaria elegge   i componenti del CD.

L’Assemblea Ordinaria è convocata dal Presidente del  CD o su richiesta di almeno 2/3 del CD, e comunque non meno di una volta all’anno.

L’Assemblea Straordinaria delibera sulle modifiche del presente Statuto e sull’eventuale scioglimento dell’Associazione. Anche l’Assemblea straordinaria può deliberare con maggioranza semplice in seconda convocazione.

Le Assemblee sono valide con la presenza di almeno la metà più uno degli iscritti; in seconda convocazione, l’Assemblea è valida qualsiasi sia il numero dei presenti. Le deliberazioni, comunque, vengono prese a maggioranza dei votanti e presenti.

 

Art 7: Il Consiglio Direttivo.

Il C.D. è composto da otto a dieci membri, in parte eletti dall’Assemblea dei Soc. Ogni componente del CD dura in carica un biennio, fatta eccezione per i Soci Fondatori, i quali decadono dall’incarico o per loro decisione o per il verificarsi di una delle condizioni previste all’Art. 8. Fin quando possibile, nel C.D. vi sarà un Medico rappresentante della Struttura di Elettrostimolazione dell’Azienda Ospedaliera di Salerno. In caso di sopravvenuta vacanza, per qualsiasi motivo, di un componente del CD nel corso del primo anno del suo mandato, il posto vacante viene ricoperto dal primo dei non eletti alle ultime elezioni. Il CD nomina al suo interno un Presidente, un vice-Presidente, un Segretario ed un Tesoriere; tali cariche sono gratuite e non danno diritto ad alcun compenso.

 

 

Art. 8 : Compiti del Consiglio Direttivo.

Il CD ha il potere di amministrazione, gestione e conduzione ordinaria e straordinaria dell’Associazione. Esso decide:

1) l’ammissione e la decadenza dei Soci. In particolare, un Socio può essere espulso   dall'Associazione con  decisione del Consiglio Direttivo nei seguenti casi:

·        in presenza di un comportamento in contrasto con le finalità, attività ed interessi   dell'Associazione, o che ne leda l'immagine;

·        in caso di inadempienza alle disposizioni del presente statuto;

·        in caso di ripetuto mancato  versamento dell’eventuale quota sociale, se non esonerato.

 

2)  l’ammontare delle eventuali quote associative

3) l’attuazione degli obiettivi di lavoro ed il programma scientifico-culturale   dell’Associazione, nel rispetto delle direttive impartite dall’Assemblea dei Soci.

4) in merito  ai regolamenti e alle loro modifiche, concernenti il funzionamento  dell’Associazione.

 

Art. 9: Riunioni del Consiglio Direttivo.

Il CD viene convocato dal Presidente ogni volta che lo ritenga opportuno o su richiesta di almeno tre Consiglieri,  con mezzi idonei  ed almeno con preavviso di cinque giorni rispetto alla data della riunione. In casi eccezionali è consentito un preavviso più breve. Le riunioni del Consiglio Direttivo devono essere verbalizzate dal Segretario ed il verbale deve essere firmato dal Segretario stesso e dal Presidente.

 

Art. 10: Il Presidente.

Il Presidente  viene eletto dal CD nella sua prima seduta; dura in carica un biennio, ma può essere rieletto. Al termine del mandato assume la carica di Past President per il biennio successivo. Come Past President  può partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo senza diritto di voto.

Il Presidente convoca e presiede il CD.

Il Presidente convoca e Presiede l’Assemblea dei Soci.

Il Presidente cura la conservazione degli atti dell’Associazione ed i verbali delle riunioni redatti dal Segretario.

Il Presidente, su richiesta di altri componenti il CD o dell’Assemblea, ha facoltà di invitare, rispettivamente alle sedute del Consiglio e dell’Assemblea dei Soci, degli esperti al fine di fornire chiarimenti su argomenti di rispettiva competenza.

 

 

Art. 11: Vice-Presidente e Segretario.

Il Vice-Presidente ed il segretario collaborano col Presidente durante il biennio del suo mandato, coordinando le attività socio-culturali e quelle di segreteria.

 

Art 12: Il Tesoriere.

Il tesoriere  dura in carica un biennio e sovraintende all’attività  amministrativa dell’Associazione. Predispone una bozza di bilancio preventivo e di rendiconto economico annuale, che deve essere presentato al Consiglio Direttivo per l’approvazione in bozza e poi all’Assemblea  dei Soci.

 

 

Art 13: Patrimonio dell’Associazione.

Le spese occorrenti per il funzionamento  ed il raggiungimento degli scopi dell’Associazione  sono coperte dalle seguenti entrate:

1.      quote ordinarie dei Soci

2.      contributi liberali dei Soci

3.      eventuali lasciti e donazioni

4.      erogazioni conseguenti a stanziamenti di Enti pubblici o privati.

 

Art. 14 : Aderenza alle Leggi

L’Associazione è retta dai principi contenuti nel presente Statuto  nonché da tutti quelli  previsti  dal Codice Civile e dalle leggi vigenti in materia di associazione.

 

Art. 15: Rispetto dello Statuto

Tutti i Soci sono tenuti a rispettare le norme del presente statuto e l’eventuale regolamento interno, secondo le deliberazioni assunte dagli organi preposti. In caso di comportamento difforme, che rechi pregiudizio agli scopi  dell’Associazione, il Consiglio Direttivo dovrà intervenire, applicando, secondo i casi, le seguenti sanzioni: richiamo, diffida, espulsione dall’Associazione.

 

 

Sede legale: Via L. Cacciatore 55, 84124 Salerno



Il sito e ottimizzato 1024x1300. con Explorer Risorse.
Tutti i diritti sono riservati. Vietato la riproduzione anche parziale.